“Zuppa di miso” a modo mio

 

IMG_20160209_181125
puntoeacapo “zuppa di miso”
IMG_20160209_182059
puntoeacapo “zuppa di miso”

Ci sono volte che mi chiedo perchè sono tanto innamorata dei sapori orientali e riflettendo bene e ripercorrendo le tappe della mia vita capisco che ogni sapore è legato ad un viaggio,condiviso con persone che amo e quindi legato a dei ricordi indissolubili.

Ecco allora che riscopro il Giappone in questa zuppa,il sapore dolciastro del miso e quello salino delle alghe mi riportano al lontano 1996 e ad un bellissimo viaggio di lavoro vissuto però con gli occhi di una ragazzina,golosa ed entusiasta di assaporare attraverso il cibo un Paese così fino ad allora irraggiungibile.

l’idea in questo blog è anche quella di approfondire la scoperta di alcuni alimenti,una sorta di rubrica a parte,magari con uno scambio di esperienze con voi. Ma veniamo alla ricetta per la zuppa di miso.

Vi servirà:

olio evo sedano,carote,zucchine,porri,germogli di soia in proporzioni variabili

acqua

miso rosso

alghe wakame

tofu

In un wok ho scaldato due cucchiai di olio evo,se volete fare le cose per bene si può usare l’olio di sesamo,a me non fa impazzire,dunque se posso lo sostituisco con quello evo,a questo punto ho aggiunto le verdure tagliate in julienne,carota,sedano,zucchina e porro e i germogli di soia e le ho fatte saltare fino a che sono ben appassite.Ho aggiunto poi dell’acqua calda,a coprire e superando le verdure di un paio di centimetri,ho fatto sobbollire per una decina di minuti.In una ciotolina ho messo un cucchiaio di miso per ogni commensale e l’ho stemperato con un po di liquido della zuppa caldo,lo si aggiunge poi nel wok.Tolta la zuppa dal fornello ho lasciato riposare per qualche minuto ed ho poi aggiunto qualche alga wakame sciacquate e messe anch’esse in acqua fredda a rinvenire.

A questo punto si assaggia e se occorre si aggiusta di sale. Ho servito la zuppa in ciotoline bianche con l’aggiunta di alcuni pezzetti di tofu spadellati leggermente in una padella antiaderente. Allora pronti a nuovi sapori?